Reparto

Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza


Polo Territoriale 1 Via Pace, 9
Richiesta prima visita
tel 02 55034402
Lun - Mer - Ven
Dalle ore 9.00 alle ore 11.00

Polo Territoriale 2 Viale Puglie, 33
Richiesta prima visita
tel 02 5503.8118
Lun - Mer - Ven
Dalle ore 9.00 alle ore 11.00

Polo Territoriale 3 Viale Ungheria, 29
Richiesta prima visita
tel 02 5503.8131
Lun - Mer - Ven
Dalle ore 9.00 alle ore 11.00

Padiglione Quarto - piano terra
Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza
Ambulatori

Via Pace - Padiglione 1 - piano 1
Mappa degli ingressi


Mappa Reparto

Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza
Ambulatori

Via Pace - Padiglione 4
Mappa degli ingressi


Mappa Reparto

Polo 2
Segreteria

02 55038118

uonpiapuglie@policlinico.mi.it

Servizio Territoriale 2 - piano 2°
Mappa degli ingressi


Mappa Reparto

Polo 3
Segreteria

02 55038130

uonpiaungheria@policlinico.mi.it

Servizio Territoriale 3 - piano 3°
Mappa degli ingressi


Mappa Reparto

La NeuroPsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (NPIA) svolge attività di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione in ambito neurologico, psichiatrico e neuropsicologico nella fascia d’età da 0 a 18 anni, inclusi i disordini dello sviluppo del bambino nelle sue varie linee di espressione (psicomotoria, linguistica, cognitiva, intellettiva e relazionale).

Il polo territoriale rappresenta il fulcro organizzativo della NPIA per la “presa in carico” del bambino e per la gestione integrata dei bisogni di cura e di salute dello stesso e della sua famiglia all’interno di un modello d’intervento in rete con le altre strutture del contesto di vita. Ha un bacino territoriale di riferimento, garantisce cioè in modo prioritario risposte ai ragazzi e alle famiglie residenti in un territorio specifico, che per la NPIA del Policlinico sono le zone 1 e 4 del Comune di Milano.

Il Polo territoriale di NPIA, ove necessario e dopo attenta valutazione, invia ai collegi del territorio per l’accertamento delle disabilità ai fini dell’integrazione scolastica. I neuropsichiatri infantili sono inoltre membri dei collegi di accertamento dell’ATS per l’alunno disabile.

Il servizio ospedaliero rappresenta invece la sede per la valutazione delle patologie acute, sia neurologiche che psichiatriche, e per gli approfondimenti attraverso esami strumentali di situazioni già inquadrate dal punto di vista funzionale sul territorio.

  • disturbi di linguaggio (ritardo di sviluppo, difficoltà di comprensione o di espressione)
  • disturbi di apprendimento (dislessia, discalculia, disgrafia o altre difficoltà di apprendimento)
  • disturbi del controllo sfinterico (enuresi o encopresi)
  • disturbi dell’alimentazione (difficoltà allo svezzamento, rifiuto del cibo, obesità, anoressia, bulimia, vomiti psicogeni)
  • disturbi del movimento (paralisi cerebrali, ritardo psicomotorio, difficoltà di equilibrio, di coordinazione ecc.)
  • disturbi del sonno (difficoltà di addormentamento, risvegli notturni eccessivi, incubi frequenti)
  • malattie psicosomatiche (tics, alopecia, bronchiti asmatiche, spasmi affettivi, ecc.)
  • disturbi del comportamento e della condotta
  • disturbi dell’umore
  • disturbi d’ansia
  • disabilità intellettiva
  • malattie neurologiche (epilessie, malattie metaboliche, sindromi genetiche, malattie neuromuscolari, ecc.)
  • disturbi dello spettro autistico e sindrome di Asperger
  • psicosi
  • difficoltà dello sviluppo (simbolico, del gioco, ecc.)
  • disturbi della comunicazione, ecc.
Aggiornato alle 14:45 del 21/07/2020
Aggiornato alle 14:45 del 21/07/2020
16/07 2020

Covid-19, l'esercito dei donatori 'invisibili' che ha contribuito a salvare Milano

Con una raccolta di oltre 10,5 milioni di euro totali, il Policlinico di Milano è in testa alla classifica per generosità delle donazioni in Lombardia. Un quinto dei contributi raccolti in denaro arriva da quasi 12 mila...

notizia
06/05 2020

Giocare e tenersi in forma con i bambini, al tempo di Covid19

Correre, nuotare, andare in bicicletta sono attività che stimolano i bambini, li aiutano a rilassarsi e migliorano il loro benessere fisico e psicologico. Non sempre però è possibile uscire e svolgere queste...

notizia
14/04 2020

#Coronavirus, come spiegarlo ai bambini. Il sito del Policlinico fra le fonti ufficiali nazionali

Tra le fonti del decalogo Covid per bambini e adolescenti dell’Autorità Nazionale Garante dell'Infanzia e della Adolescenza (AGIA) è stato citato il sito del Policlinico, un importante traguardo per...

notizia
02/04 2020

#GiornataMondialeAutismo. La storia di Margherita, tradotta nei simboli della comunicazione aumentativa, diventa e-book

2 aprile è la Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo. Quest’anno è un 2 aprile diverso per l’emergenza coronavirus. Un’occasione per comprendere l’impatto che questa...

notizia
16/03 2020

Nicola Savino legge ai microfoni di Radio Deejay la storia di Margherita per spiegare ai bambini cos'è Covid-19

C'è il Coronaviurs e questo evento straordinario che mette a soqquadro le città e le nostre case va spiegato ai bambini o forse sono loro che lo spiegnao a noi adulti. Ecco che ci aiuta Nicola Savino, noto...

notizia
08/03 2020

Storia di un coronavirus

È già sera ma Margherita non ha nessuna intenzione di andare a dormire, seduta alla scrivania disegna mostri e cancella mostri. “È tardi ragazzina, smettila di consumare fogli e andiamo a dormire!” Dice...

notizia
06/03 2020

Coronavirus: facciamo un po' di chiarezza

Orientarsi nelle situazioni fuori dall'ordinario non è mai semplice. In questi giorni di tensione e fiato sospeso è quanto mai utile avere informazioni chiare e precise. Con questi articoli e...

notizia
05/03 2020

Il Coronavirus spiegato ai bambini. Intervista ad Antonella Costantino

Le scuole chiuse potrebbero trasmettere un po' l'aria della vacanza: del resto chiudono in estate, alle feste comandate come il Natale, e in poche altre occasioni. Poi, però, guardando dalla finestra lo scenario è...

notizia
16/01 2020

Nella mente dei bambini

E’ la più grande di una famiglia numerosa e fin da bambina le veniva spontaneo occuparsi dei più piccoli. All'Università la sua passione per la mente e per il cervello l’ha portata a specializzarsi...

notizia
23/05 2019

Giocare tutti, nessuno escluso: al Policlinico di Milano musica, libri e creatività per andare oltre le diversità

  La cosa bella del giocare è che è facile immaginare modi di divertirsi che possano includere tutti, e in particolare i bimbi con disabilità. E' proprio questo lo scopo dell'iniziativa "Giocare...

notizia
14/01 2019

Come gestire un adolescente che si comporta in modo aggressivo?

È fondamentale capire quando si è in presenza di un disagio che va curato

notizia
09/10 2018

SmaBike: biciclettata lungo il Naviglio Pavese con il Sapre del Policlinico di Milano (14 ottobre)

Il Settore di Abilitazione Precoce dei Genitori (SAPRE) della Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza del Policlinico di Milano lavora quotidianamente con i genitori di bambini affetti da malattie neuromuscolari e...

notizia
11/09 2018

Sindrome di Klinefelter, il Policlinico di Milano unico in Lombardia a seguire i pazienti dalla nascita all'età adulta

1 neonato su 660 è affetto da Sindrome di Klinefelter, una malattia genetica e cronica caratterizzata da un'anomalia cromosomica in cui un individuo di sesso maschile possiede un cromosoma X in più (cariotipo...

notizia
06/03 2018

Libri in simboli e letture ad alta voce, una giornata per sensibilizzare sulla comunicazione nei bambini

   In occasione della Giornata europea della Logopedia, la Clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano si è trasformata per un giorno in un punto d’incontro per parlare di Comunicazione Aumentativa, di iniziative per leggere ad alta voce anche a bambini che non parlano e di in-book, per far toccare con mano l’importanza di interventi precoci ed appropriati per i bambini in difficoltà e per le loro famiglie.

notizia
22/11 2017

Deficit dell'attenzione, un convegno europeo con i risultati dell'esperienza lombarda

In un convegno europeo, gli esperti si confronteranno su contesti e modelli organizzativi e di cura differenti, per garantire le risposte più appropriate ai bisogni di cura per l’ADHD, ma pensando anche agli altri disturbi psichiatrici dell’età evolutiva ancora poco considerati, e che complessivamente interessano il 15% dei bambini e ragazzi italiani.

notizia