Associazione Amici del "Centro Dino Ferrari"

PRESIDENTE
Marialuisa Gavazzeni Trussardi

CONTATTI
Sito Web: http://www.centrodinoferrari.com
Email:
Telefono: 02 5518.9006 - 02 5503.3812 - 02 5519.2512

ATTIVITÀ

>Promozione e sostegno dell’attività del “Centro Dino Ferrari per la diagnosi e la terapia delle malattie neuromuscolari e neurodegenerative” dell’Università degli Studi di Milano; >Organizzazione di eventi benefici finalizzati alla raccolta fondi da devolvere alla ricerca scientifica del “Centro Dino Ferrari”.

Associazione Amici del

30/06 2020

#Ricerca_ Alzheimer, un nuovo possibile strumento di diagnosi dalle “vescicole extracellulari”

   Pubblicato sulla rivista scientifica Cells uno studio di due ricercatrici del Centro Dino Ferrari, Università Statale di Milano – Policlinico di Milano, che identifica nel plasma di pazienti con Alzheimer un...

notizia
20/05 2020

#Ricerca. Distrofia muscolare, scoperte cellule che impediscono ai muscoli di indebolirsi

Uno studio firmato in collaborazione con esperti del Policlinico di Milano ha rivelato una differenza fondamentale tra tessuti sani e malati: si apre la strada a un possibile trattamento per contrastare la degenerazione dei muscoli...

notizia
17/02 2020

#Ricerca. Identificato un nuovo bersaglio terapeutico per la Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) e l’Atrofia Spinale Muscolare (SMA)

   E’ SYT13 il nuovo target terapeutico identificato come possibile modificatore della Sclerosi Laterale Amiotrofica (Sla) e dell’Atrofia Spinale Muscolare (Sma). La scoperta è dei ricercatori del Centro...

notizia
30/08 2018

Sclerosi multipla, un nuovo biomarcatore in grado di predire la progressione della malattia

Sul Multiple Sclerosis Journal, una ricerca di Università degli Studi di Milano, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Centro Dino Ferrari dimostra come bassi livelli della proteina β-amiloide nel liquido cefalorachidiano possano rappresentare un biomarcatore predittivo della progressione della malattia.

notizia
03/04 2018

Alzheimer, individuato un nuovo bersaglio terapeutico nella sostanza bianca cerebrale

Uno studio apre a una possibile associazione tra livelli liquorali di amiloide e danno della sostanza bianca cerebrale in pazienti affetti da demenza, sottolineando l’importanza della mielina in una malattia da sempre ritenuta...

notizia
AFFRONTIAMO L'EMERGENZA CORONAVIRUS  x+