Perché donare il sangue del cordone ombelicale

Il sangue del cordone ombelicale racchiude al suo interno una ricchezza eccezionale. Contiene cellule staminali emopoietiche in grado di produrre continuamente globuli rossi, globuli bianchi e piastrine che rappresentano una risorsa preziosa per la cura di gravi malattie del sangue e del sistema immunitario, come le leucemie, i linfomi, alcune forme di talassemia, di immunodeficienza e alcune malattie metaboliche.

Informarsi sulla donazione e conservazione del sangue del cordone ombelicale è fondamentale e rappresenta una reale speranza e un’importante possibilità di cura per chi è affetto da gravi malattie.

Come donare il sangue del cordone ombelicale

La donazione del sangue del cordone ombelicale è una procedura completamente indolore, sicura e non invasiva sia per la mamma che per il bambino. Non incide in nessun modo con il parto e viene effettuata con un prelievo di pochi minuti, subito dopo la nascita del bambino Ogni nuova mamma in salute può essere una donatrice se presenta queste caratteristiche:

  • storia clinica del padre e della madre del neonato devono essere conosciute, così come quelle delle rispettive famiglie;
  • nessun rischio di trasmissione di malattie genetiche;
  • nessuna positività e/o rischio di HIV e/o di epatite;
  • nessun viaggio precedente in paesi con pericolo di malattie endemiche;
  • nessuna assunzione di farmaci controindicati, abuso di alcol o droghe;
  • gestazione che deve aver superato le 37 settimane;
  • parto in un punto nascita accreditato al prelievo del sangue cordonale;
  • nascita senza sofferenza fetale.

La donazione è gratuita: tutti i costi sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

Modalità di donazione

Esistono tre possibili vie per la donazione del sangue del cordone ombelicale:

 


 

DONAZIONE ALLOGENICA – solidaristica

Consiste nel donare il sangue del cordone ombelicale del proprio bambino per chiunque ne abbia bisogno e risulti compatibile. La conservazione avviene solo nelle banche pubbliche. Il Policlinico è una delle due sedi della Banca del Sangue da Cordone Ombelicale della Regione Lombardia (Milano Cord Blood Bank )insieme a quella di Pavia situata alla Fondazione Policlinico San Matteo (Pavia Cord Blood Bank).

Contatti

Lun – Gio: 8.30 – 17.00 
Venerdì: 8.30 – 15.00
Tel: 02 5503. 3202 – 2143 – 2570 - 3453
direzione.presidio@policlinico.mi.it
 

Per prenotare un colloquio con l’ostetrica:

02 5503.2276 – 2279

 

Documenti da scaricare:

 


 

DONAZIONE DEDICATA – per un familiare ammalato

Consiste nel donare il sangue del cordone ombelicale per:

  • curare il proprio bambino o un suo consanguineo (ad esempio, un fratello o una sorella), nel caso in cui sia affetto da una malattia per la quale, come previsto dall’ordinanza vigente, “risulti scientificamente fondato e clinicamente appropriato l'uso di cellule staminali da sangue cordonale”
  • curare un membro del nucleo familiare (ad esempio, un fratello o una sorella), nel caso in cui, come previsto dall’ordinanza vigente, vi sia nella famiglia un alto rischio di avere figli affetti da “malattie geneticamente determinate per le quali risulti scientificamente In entrambi i casi, l’effettiva presenza della malattia o il rischio che essa insorga o si sviluppi nel tempo devono essere certificati da un medico genetista o dallo specialista che segue il bambino.

 

Documenti da scaricare:

 


 

DONAZIONE AUTOLOGA – conservazione privata

Consiste nel raccogliere il sangue del cordone ombelicale del proprio bambino esclusivamente per un suo uso personale. I costi inerenti alla conservazione autologa sono a carico del richiedente. I soggetti interessati devono rivolgersi alla Direzione Sanitaria di Presidio per ottenere l’autorizzazione per il trasferimento all’estero.

Contatti

Lun – Gio: 14.00 – 15.30
02 5503.3202 - 2143 - 2570 - 3634
direzione.presidio@policlinico.mi.it
micb@policlinico.mi.it

 

Documenti da scaricare:

 


 

Visita il sito dell'associazione Adisco Onlus


Aggiornato alle 14:53 del 23/10/2017