notizia
15/06 2015
Salute e Ricerca

Il Cervello, il motore che si “scalda” a riposo

— di Lino Grossano

Da uno studio di ricercatori dell’Università Statale di Milano e della Fondazione Policlinico, pubblicato su Plos One,  nuove evidenze sulla connessione tra attività cerebrale e temperatura.

La temperatura gioca un ruolo fondamentale per il  funzionamento appropriato del cervello, tuttavia, al momento esistono solo dati frammentari sulla temperatura cerebrale e la sua regolazione in differenti condizioni fisiologiche. Certo è che, a quanto pare, un altro luogo comune è destinato a tramontare: la nota espressione “ti fuma il cervello?” non potrebbe essere meno appropriata.

Un gruppo di ricercatori dell’Università Statale di Milano e del Policlinico di Milano, che svolgono studi di neurofisiologia e neuroscienze occupandosi anche di patologie come il Parkinson e la patologia mitocondriale, hanno appena pubblicato su PlosOne  un lavoro che dimostra che è vero proprio il contrario, almeno nel caso della funzione visiva.

I ricercatori, guidati da Mario Rango – che dirige il Centro interdipartimentale di eccellenza di tecniche avanzate e risonanza magnetica del Policlinico –   hanno studiato la temperatura cerebrale nella corteccia visiva di 20 soggetti normali con una ampia finestra temporale in differenti stati:  a riposo, durante l’attivazione – ossia nel momento in cui lo stimolo visivo arriva alla corteccia visiva – e nel successivo recupero. L’osservazione è stata svolta grazie ad un approccio combinato di stimolazione visiva e termometria spettroscopica a risonanza magnetica. Parallelamente, e nelle medesime condizioni, veniva monitorata la temperatura in una regione di controllo, il centro semiovale.

La temperatura media della corteccia visiva era più  alta della temperatura corporea media (37.40 vs 36.60, P<0.001). Durante l’ attivazione la temperatura della corteccia visiva  rimaneva immutata all’ inizio, mostrando successivamente un piccolo decremento (-0.20 C°). Conclusa la fase di attivazione, i ricercatori hanno verificato che la temperatura cresceva in modo consistente (+0.60 C°), tornando ai valori di partenza dopo alcuni minuti.

La temperatura del centro semiovale rimaneva invece  immutata in ognuna delle tre fasi.

In conclusione, i ricercatori hanno dimostrato che quando  incrementa la sua attività il cervello si raffredda, mentre si riscalda per alcuni minuti subito dopo il ritorno allo stato di “riposo”.

La scarica neuronale in sé, ossia il momento di attivazione delle funzione cerebrale,  non costituisce quindi una sorgente maggiore di rilascio di calore nel cervello, mentre si registra una conseguenza/strascico dell’ attivazione cerebrale – ovvero l’ aumento della temperatura – che dura minuti prima del ritorno alle condizioni di baseline.