Evento
Fragilità e disturbi cognitivi (Neuro Club Seminars)

Quando:
lunedì 17/02/20
Orari:
dalle ore 16.00

Lunedì 17 Febbraio l'Aula 2 del Padiglione Monteggia ospiterà l'incontro "Fragilità e disturbi cognitivi. Il modello dell'accumulo di deficit nell'approccio clinico e sperimentale".

RAZIONALE

L’età della popolazione mondiale è in rapida crescita e si stima che nel 2050 si possa raggiungere oltre 2 miliardi di persone over 65. Il principale problema dell’invecchiamento della popolazione è la condizione di fragilità clinica, che si sviluppa come conseguenza del declino età correlato di molteplici sistemi fisiologici. La fragilità è uno stato di aumentata vulnerabilità e di ridotta capacità a fronteggiare variazioni dell’omeostasi in seguito a fattori di stress. È una condizione dinamica che colpisce un individuo che sperimenta perdite in uno o più domini funzionali: se trattata può essere reversibile, mentre se trascurata può portare alla perdita completa dell’autonomia, con aumentato rischio di risultati avversi per la salute, tra cui cadute, delirium ed insorgenza di disabilità. Come si interfaccia la condizione di fragilità con lo sviluppo del deterioramento cognitivo? Può il modello dell’accumulo di deficit declinare la fragilità nel paziente con demenza? Questo modello può avere una valenza nell’approccio clinico e sperimentale alle patologie neurodegenerative?

Su questo tema, di interesse per neurologi, geriatri,  psichiatri ed internisti, nell’ambito delle attività  dell’UOSD Neurologia -  Malattie Neurodegenerative, diretta dal prof  Elio Scarpini,  si terrà un seminario del dott. Marco Canevelli e del prof. Giuseppe Bruno dell’Università la Sapienza di Roma, che verranno introdotti dal dott. Andrea Arighi.

Non è prevista l'iscrizione. Il seminario si rivolge in particolare a neurologi, geriatri, psichiatri, internisti.
 

Prossimi eventi Vedi calendario completo