Domande e risposte sui vaccini anti Covid-19 al Policlinico




Per rimanere sempre aggiornato consulta il piano vaccinale di Regione Lombardia  >> Clicca qui
 

Piano vaccinale

 

Per prenotare il tuo appuntamento segui le modalità previste da Regione Lombardia >> Clicca qui

  • Il personale scolastico che non ha ancora avuto il vaccino può prenotare:

         - sul portale prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it
         - contattare il numero 800894545
         - attraverso POSTAMAT
         - tramite Portalettere

  • Il personale scolastico programmato dalla metà di maggio per le seconde dosi riceverà un sms con l’indicazione della sede e orario per la somministrazione. Nel caso di appuntamento coincidente con sessioni di esami di stato o scrutini, i docenti potranno richiedere un cambio di data contattando il contact center 800.89.45.45 che, nel rispetto del range previsto per il vaccino da somministrare e della disponibilità di agende, fornirà un nuovo appuntamento.  

I pazienti in carico alle nostre Unità Operative, considerati estremamente vulnerabili, secondo le specifiche indicazioni contenute nelle Tabelle 1 e 2 della Categoria 1 di cui alle Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19, saranno contattati direttamente dalla Struttura, senza doversi iscrivere in elenchi specifici.

L’attesa per la messa in nota può variare a seconda del singolo caso e del carico di pazienti di ciascuna Unità Operativa. Per avere conferma dell’iscrizione il paziente deve contattare l’Unità Operativa che l’ha in carico per le cure.

I soggetti che non sono stati iscritti dalle Unità Operative del Policlinico per la prenotazione del vaccino possono pertanto procedere alla prenotazione sulla piattaforma di prenotazione tramite il portale regionale. Per facilitare le prenotazioni, Regione Lombardia ha provveduto, dal 9 aprile a caricare sul Portale di prenotazione regionale i codici fiscali dei soggetti considerati estremamente fragili, individuati dai codici di esenzione e consumo farmaci.

Inoltre:

- È stato previsto il canale di segnalazione da parte dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di libera Scelta di ulteriori nominativi che, per conoscenza diretta del medico stesso, rientrano nella categoria dei pazienti fragili.

- È stata attivata l’opzione di richiesta da parte del soggetto, di abilitazione alla prenotazione sulla piattaforma, tramite il portale regionale, con autodichiarazione della propria condizione di estremamente vulnerabile o di disabile grave da consegnare al momento della presentazione al Centro vaccinale. Il giorno successivo alla preadesione, il soggetto avrà facoltà di prenotare se stesso e i propri conviventi/caregivers, se rientra nella tipologia per la quale le raccomandazioni ministeriali lo prevedono espressamente.

I soggetti disabili gravi ai sensi della L.104/92, art. 3, comma 3, che non riescono ad accedere alla piattaforma di prenotazione perché non inseriti nelle liste trasmesse da INPS potranno seguire la procedura proposta online per l’autocertificazione oppure chiamando da cellulare il numero verde 800 894 545 e fornendo all’operatore telefonico i seguenti dati:

Tessera Sanitaria

Codice Fiscale

Nome Cognome

Data di nascita

Categoria (disabile grave L.104/92, art. 3, comma 3)

Numero di Cellulare

Provincia, Comune e CAP di residenza/domicilio

Indirizzo di residenza/domicilio
 

Dopo 24/48 ore il cittadino potrà prenotare l’appuntamento attraverso la piattaforma dedicata prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it, per sé e per i propri caregiver/conviventi (possibilità di indicare massimo 3 persone tra caregiver e conviventi).

Il giorno della vaccinazione la persona con disabilità grave dovrà presentare copia del certificato di disabilità (verbale) rilasciato dall’INPS. I caregiver/conviventi dovranno essere muniti di apposita autocertificazione.

Si ricorda che le dichiarazioni mendaci, la falsità nella formazione degli atti e l'uso di atti falsi comportano l'applicazione delle sanzioni penali previste dal DPR 445/2000.

I conviventi e caregiver di pazienti estremamente vulnerabili, prenotati direttamente dalle Unità Operative che li ha in carico per le cure, saranno anch’essi registrati dalla Struttura.

Se non già prenotati dalla Struttura che li ha in carico per le cure, possono prenotarsi per la vaccinazione:

  • Conviventi e caregiver dei soggetti disabili gravi Legge 104/1992 art 3 comma 3: dal 16 aprile, accedendo al portale di prenotazione prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it con i dati del soggetto disabile (anche in caso di soggetto fragile già vaccinato).
     
  • Familiari conviventi di soggetti estremamente vulnerabili già vaccinati o in fase di vaccinazione, esclusivamente per le categorie di patologia in cui ciò è previsto (i conviventi di pazienti in trattamento con farmaci biologici o terapie immunodepressive affetti da condizioni neurologiche, malattie autoimmuni, patologie oncologiche, trapianto di organo solido e di cellule staminali emopoietiche).

Saranno contattati dall’Ospedale per la vaccinazione tutti i pazienti considerati estremamente vulnerabili seguiti da uno dei propri centri di riferimento, anche se non hanno aderito alla Presa in carico del paziente cronico.

Il vaccino a vettore virale Vaxzevria (Astrazeneca) sarà quello offerto di routine ai soggetti di età uguale o superiore a 60 anni, ad eccezione dei casi rientranti nelle categorie degli estremamente vulnerabili e disabili gravi come descritti nelle Tabelle 1 e 2 delle Raccomandazioni ad interim sui gruppi target della vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 del 10 marzo 2021, a cui sarà invece appropriato offrire un vaccino a  mRNA (allo stato attuale i vaccini Comirnaty e Moderna).

Nel rispetto del principio di appropriatezza d’uso e al fine di preservare il vaccino mRNA per i soggetti ad elevata fragilità e under 60, nelle fasce di età e condizione clinica in cui è  raccomandato il vaccino Vaxzevria, non è previsto che il vaccinando possa scegliere di ricevere un vaccino diverso.

Eventuali rifiuti al vaccino Vaxzevria potranno essere gestiti e riprogrammati al termine della campagna vaccinale, secondo le disponibilità di vaccini e ulteriori eventuali aggiornamenti tecnici sull’utilizzo dei vaccini.

Il Centro Vaccinale contatterà tutti i pazienti che non sono risultati idonei al vaccino Vaxzevria (Astrazeneca). Le tempistiche possono variare in base alla disponibilità dei lotti vaccinali.

La scelta della tipologia di vaccino da effettuare non dipende dalla volontà della singola struttura ospedaliera né dall'arbitrio del singolo operatore sanitario, e non può essere operata dal paziente, ma risponde a precisi criteri stabiliti da disposizioni nazionali e regionali.

La certificazione della prima dose della vaccinazione viene caricata sul Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE). Per i cittadini non residenti in Lombardia, e quindi sprovvisti del FSE lombardo, verrà comunque rilasciata una certificazione in occasione della somministrazione della seconda dose.

Può trattarsi di un problema di natura informatica, risolvibile inviando una mail a urp@policlinico.mi.it, specificando l’anagrafica completa e la data in cui è stata eseguita la somministrazione.

Per i cittadini non residenti in Lombardia e quindi sprovvisti del Fascicolo Sanitario Elettronico lombardo verrà rilasciata una certificazione in occasione della somministrazione della seconda dose.

L’appuntamento sarà fissato da Regione seguendo le indicazioni ministeriali. Tali appuntamenti non sono gestiti direttamente dal Centro Vaccinale e verranno comunicati da Regione secondo modalità similari rispetto a quelli della prima convocazione (SMS/chiamata) nel corso delle prossime settimane e comunque in tempo utile.

Il vaccino riduce considerevolmente ma non immunizza del tutto da COVID-19. Una debole positività è sempre possibile, per cui si raccomanda ai vaccinati la più stringente adesione ai protocolli circa il distanziamento sociale e l’utilizzo dei dispositivi di protezione (mascherine).

Prima dose di vaccino

Se a causa di malattia o impedimenti gravi non è possibile presentarsi all’appuntamento fissato per la prima dose di vaccino è sufficiente riaccedere alla piattaforma di prenotazione, cancellare l’appuntamento fissato e riprogrammarlo.

Per gli appuntamenti fissati telefonicamente con il numero 800 894 595 richiamare e chiedere una nuova prenotazione.

Se l’appuntamento è stato fissato telefonicamente, direttamente dal centro vaccinale, inviare un’e-mail a backoffice@policlinico.mi.it: il Centro Vaccinale provvederà a riprogrammare un’altra data non appena possibile.
 

Seconda dose di vaccino

Solo in caso di di malattia e impedimenti gravi da segnalare è possibile richiedere lo spostamento della seconda dose di vaccino. La richiesta deve essere inoltrata a backoffice@policlinico.mi.it 

 

Le attuali indicazioni per la somministrazione della seconda dose del vaccino, comunicate dal Ministero della Salute, sulla base del parere del CTS, sono:

  • Vaccini a mRNA (Pfizer e Moderna), le seconde dosi, a partire dalle somministrazioni del 7 maggio 2021, saranno programmate nel range 35-42 giorni, secondo la disponibilità delle agende;
  • Vaccino Vaxzevria (AstraZeneca), le seconde dosi, saranno programmate nel range 63-84 giorni.

 

Il medico del centro vaccinale verificherà quanto tempo è trascorso dalla data di guarigione (1° tampone negativo dopo precedente diagnosi di COVID).
Se sono trascorsi più di 6 mesi dalla data di guarigione, il ciclo vaccinale previsto è di 2 dosi di vaccino con normale tempistica a seconda del vaccino utilizzato.
Se sono trascorsi almeno 3 mesi e meno di 6 mesi dalla data di guarigione il medico mi offrirà la possibilità di eseguire un ciclo vaccinale con un’unica dose.  
Se sono trascorsi meno di tre mesi il medico mi darà indicazioni per riprogrammare il ciclo vaccinale dopo 3 mesi.
Il medico valutando le mie condizioni cliniche (condizioni di immunodeficienza primitiva o secondaria a trattamenti farmacologici, condizioni di fragilità, età superiore a 80 anni)  potrebbe decidere di sottopormi comunque ad un ciclo vaccinale completo di due dosi. 
Questo schema di comportamento è indipendente dal tipo di vaccino che mi verrà offerto secondo i criteri di età e patologia.

Il medico del centro vaccinale darà indicazioni perché la seconda dose venga somministrata, trascorsi almeno tre mesi dalla data di guarigione (1° tampone negativo dopo precedente diagnosi di COVID).

Nei centri vaccinali afferenti alla Fondazione Policlinico Ca’ Granda sono generalmente  presenti  tutte le tipologie di vaccini, compatibilmente con la disponibilità dei vaccini approvvigionati.

Non sono ancora state acquisite informazioni sulla durata a lungo termine della protezione successiva alla vaccinazione. Sulla base di quanto noto per l’immunità naturale dopo infezione da altri coronavirus e per altre vaccinazioni, è possibile che, nelle persone che abbiano sviluppato una risposta immunitaria post-vaccinale, si verifichi una graduale perdita dell’immunità nel corso dei mesi o anni dopo la vaccinazione.

Per una maggiore cautela nei confronti del paziente, il medico del centro vaccinale chiederà al paziente di eseguire una visita allergologica in cui lo specialista si esprima, se presenti controindicazioni alla vaccinazione anticovid e se la stessa, possa essere effettuata presso il centro vaccinale con un tempo di osservazione superiore a quello previsto oppure sia necessario effettuarla in ambiente protetto (UUOO Rianimazione/Terapia Intensiva) sotto costante monitoraggio per un tempo di osservazione espressamente indicato.

In assenza di questa documentazione il medico del centro vaccinale rimanderà la vaccinazione fino ad acquisizione della consulenza richiesta. E’ pertanto consigliabile premunirsi di questa documentazione se storia allergica nota per  episodi di shock anafilattico.

È possibile inviare una mail a backoffice@policlinico.mi.it la risposta sarà garantita nel più breve tempo possibile compatibilmente con l’elevato numero di richieste.  


Aggiornato alle 14:32 del 06/04/2021