Reparto

Medicina Generale - Emostasi e Trombosi


Centri specialistici


Malattie Rare Center >

Centri di Riferimento


1 Centro correlato >

Area Emorragica - Emofilia  

Ambulatorio screening emorragico
02 5503.5356
Lun – Ven: 8.30 - 13.00 / 14.00 - 16.00
Padiglione Secondo, Via Pace 9

Ambulatorio emofilia
02 5503.5308 - 4682
Lun – Ven: 8.30 - 13.00 / 14.00 - 16.00
Padiglione Secondo, Via Pace 9

Area Trombotica - Malattie Tromboemboliche

Ambulatorio trombosi, ecodoppler
02 5503.5316
Lun – Ven: 11.30 - 12.30 e 14.00 - 16.00
Ritiro REFERTI: Lun – Ven: 11.00 - 12.30
Padiglione Secondo Via Pace 9

DH e MAC per screening di trombofilia e visite
02 5503.5316
Lun – Ven: 11.30 - 12.30 / 14.00 - 16.00
Padiglione Secondo, Via Pace 9

Ambulatorio microangiopatie trombotiche e piastrine
02 5503.5356
Lun – Ven: 9.00 - 13.00 / 14.00 - 16.00
Padiglione Secondo, Via Pace 9

Terapia Anticoagulante Orale (TAO)

Ambulatorio terapia anticoagulante orale
02 5503.2538 - 3403
Lun – Ven: 9.30 - 11.30 / 14.30 - 15.30
Padiglione Devoto

Segreteria

02 5503.5422
emostasitrombosi@policlinico.mi.it

Palazzina Bertarelli, 1° piano – Via Pace, 9
Medicina Generale - Emostasi e Trombosi
Degenze

02 5503.5232 - 3188

Padiglione Granelli
Via F. Sforza 35
Mostra mappa


Mappa Reparto

Informazioni sui ricoveri e orari di visita

Orario di colloquio con i medici:
Lun – Ven: 12.30 - 13.30

 

L’Unità Operativa  di Medicina Generale – Emostasi e Trombosi si occupa della diagnosi e della cura di pazienti affetti da patologie a carattere internistico e con malattie emorragiche (emofilia, difetti rari della coagulazione, malattia di von Willebrand e disordini piastrinici) e trombotiche (trombosi venose e arteriose, microangiopatie trombotiche), nonché da malattie del complemento e alterazioni immunologiche che causano patologie emostatiche acquisite.

L’attività è diretta anche a pazienti acuti o cronici con indicazione a terapie anticoagulanti orali e/o parenterali (fibrillazione atriale, protesi valvolari cardiache, tromboembolismo venoso e/o arterioso in prevenzione primaria e secondaria), per i quali sono attivi percorsi di cura specifici.  Circa il 90% dei pazienti ricoverati è di tipo pluripatologico e proviene dal Pronto Soccorso. Il restante è rappresentato da ricoveri programmati di pazienti affetti da patologie specialistiche, che necessitano di inquadramento multidisciplinare, risoluzione delle comorbidità ed impostazione terapeutica.In particolare la specificità e le competenze del personale medico ed infermieristico riguardano polipatologie di tipo ematologico, oncologico, cardiovascolare, immunologico e metabolico. 

Le prestazioni sono rivolte a pazienti di tutte le età, dall’adulto all’anziano e dal neonato al bambino.

L’équipe è composta da medici specialisti in Medicina Interna ed Ematologia, biologi, biotecnologi, tecnici e amministrativi che svolgono il loro servizio sia in reparto di degenza, che in diversi ambulatori e presso laboratori specialistici.

L’Unità Operativa è specializzata nel trattamento delle coaugolopatie e di tutte le complicanze a esse associate grazie alla collaborazione con numerosi specialisti del Policlinico come ortopedici, infettivologi, epatologi, ginecologi, pediatri, psicologi, cardiologi e neurologi.
L’alta competenza dei medici consente di individuare la presenza di emofilia e delle altre malattie emorragiche ereditarie già durante il periodo prenatale ed è inoltre possibile, sia nell’adulto sia nel bambino, attestare lo stato di portatore o di malattia attraverso una indagine genetica, avvalendosi di un laboratorio di biologia molecolare con strumentazione all’avanguardia.
L’équipe è anche specializzata nel trattamento delle malattie trombotiche con particolare attenzione alla cura e prevenzione delle trombosi in età pediatrica, nelle donne in gravidanza o che stanno seguendo un percorso di fecondazione assistita. Inoltre, l’approccio multidisciplinare consente ai medici di trattare il tromboembolismo venoso non solo degli arti, ma anche a livello cerebrale e dei vasi addominali.

L’esperienza acquisita negli anni ha portato alla nascita del Centro Emofilia e Trombosi “Angelo Bianchi Bonomi”, punto di riferimento nazionale e internazionale per le malattie emorragiche e trombotiche.

L’Unità Operativa è stata inoltre accredita come:

  • Centro di Riferimento della Regione Lombardia per i pazienti affetti da malattie emorragiche congenite (MEC)
  • European Haemophilia Comprehensive Care Centre (Centro di riferimento comprensivo a livello Europeo – EHCCC) dall’European Haemophilia Network (EUHANET)
  • Centro accreditato dell’Associazione Italiana Centri Emofilia (AICE)
  • Centro Fondatore della Federazione dei centri per la diagnosi della trombosi e la sorveglianza della terapia anticoagulante (FCSA)
  • International Hemophilia Training Center (IHTC) of the World Federation of Hemophilia (WFH)
  • European Thrombosis Research Organisation Thrombosis/Vascular Training Center of the World Federation of Cardiology
  • Emofilia
  • Malattia di von Willebrand
  • Malattie rare della coagulazione
  • Piastrinopenie e malattie ematologiche croniche
  • Trombosi venose/arteriose
  • Microangiopatie trombotiche, in particolare Porpora Trombotica Trombocitopenica (TTP)
  • Centro per lo studio delle malattie del complemento e della permeabilità vascolare
  • Servizio di Terapia anticoagulante

L’Unità Operativa si distingue per una intensa attività di ricerca clinica orientata in particolare alla sperimentazione di farmaci innovativi per la cura delle coagulopatie ereditarie. Il gruppo di ricerca in questi ultimi anni si sta occupando di trial clinici di fase I, II e III e di nuove terapie sia in ambito emorragico che trombotico.
L’attività didattica è rivolta agli studenti e specializzandi iscritti a diversi corsi universitari (Medicina e Chirurgia, Scienze Biologiche, Biotecnologie, Tecnico Biomedico, Farmacia), alle scuole di specialità di Ematologia e Medicina Interna), al corso di Master di primo livello in Ricerca clinica. Inoltre, sono organizzati corsi di formazione interna principalmente dedicati all’epidemiologia clinica.

Aggiornato alle 16:56 del 25/10/2017
Aggiornato alle 16:56 del 25/10/2017
27/05 2016

Emofilia, la ricerca può cambiare la storia della malattia e l’efficacia delle cure

L’emofilia è una malattia che ha cambiato la storia dell’uomo: ne era colpito ad esempio il principe Leopoldo, figlio della regina Vittoria d’Inghilterra, e arrivò a toccare anche gli eredi al trono di Russia e...

notizia
27/05 2016

Emofilia A grave: studio internazionale coordinato da Milano dimostra la migliore risposta al trattamento con prodotti derivati dal plasma

I risultati dello studio internazionale SIPPET, coordinato da ricercatori della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico e Università degli Studi di Milano, evidenziano come nei pazienti con emofilia A grave il trattamento con prodotti...

notizia
11/02 2016

Da un piccolo anticorpo una possibile cura contro i micro-trombi del cervello

Studio guidato dai ricercatori del Policlinico di Milano e della Statale per trovare una migliore terapia della Porpora Trombotica Trombocitopenica. Gli esperti puntano a rendere disponibile il farmaco in Europa entro 2017   In molti...

notizia
06/11 2015

Emofilia, la terapia biotech colpisce di più il sistema immunitario nei primi mesi di terapia

Studio internazionale SIPPET guidato dal Policlinico di Milano, iniziando invece le terapie con il farmaco plasma-derivato si può dimezzare la resistenza alle cure e garantire a molte più persone con emofilia un trattamento efficace   Chi...

notizia
02/09 2014

A Flora Peyvandi il Premio Grande Ippocrate per la ricerca e divulgazione scientifica

La giuria del Premio Grande Ippocrate, giunto quest’anno alla sesta edizione, ha deciso di assegnare il riconoscimento alla professoressa Flora Peyvandi che ha condotto le sue ricerche presso la Fondazione IRCCS Ca’ Granda, Ospedale Maggiore...

notizia
10/04 2014

Giornata Mondiale Emofilia, farmaci biotech e terapia genica cambieranno futuro malattia

 Ricerca italiana è tra le migliori al mondo. Al Policlinico di Milano una nuova sperimentazione L’emofilia è una malattia che ha cambiato la storia dell’uomo: ne era colpito ad esempio il principe Leopoldo, figlio della...

notizia
17/02 2014

Esperti, testare farmaci anche sui bambini porta ad un irragionevole ritardo nell’accesso alle nuove terapie in Europa

Per l’emofilia un ‘gap’ di due anni tra pazienti europei e americani. “Proteggere i bambini non deve trasformarsi in uno svantaggio per i pazienti adulti” L’agenzia europea del Farmaco richiede che ogni nuovo medicinale, oltre...

notizia
29/01 2013

Chi fuma è più a rischio di morte, infarti e ictus dopo un intervento chirurgico

Affrontare un intervento chirurgico è molto più rischioso per chi fuma: il vizio delle sigarette infatti fa aumentare la mortalità post-operatoria nei primi 30 giorni dall’operazione, così come il rischio di malattie cardiovascolari o di...

notizia
16/11 2012

Aspirina può ridurre del 30% i tromboembolismi, ma i pazienti non assumono i farmaci

Una malattia che colpisce una persona ogni mille, e che tra i pazienti ricoverati in ospedale è 100 volte ancora più frequente, ha le dimensioni di un’epidemia. E’ il caso del tromboembolismo venoso, patologia in...

notizia
04/06 2012

L’aspirina riduce del 40% le ricadute della trombosi venosa

lo dimostra uno studio su oltre 400 pazienti, a cui ha partecipato anche il Policlinico Assumere basse dosi di aspirina come terapia preventiva riduce del 40% le ricadute della trombosi venosa: un dato importante, visto...

notizia