News dal Policlinico

notizia
07/02 2018
Salute e Ricerca

Medicina 'Less is more'. Meno analisi necessarie dopo lo svenimento

— di Lino Grossano

Uno studio coordinato dall'Università degli Studi di Milano e dal Policlinico di Milano suggerisce di ridurre le indagini invasive e costose per escludere l'embolia polmonare in pazienti giunti in Pronto Soccorso per sincope. La ricerca è stata pubblicata su JAMA Internal Medicine da Giovanni Casazza, del Dipartimento di Scienze biomediche e cliniche dell'Università di Milano,  Nicola Montano, direttore Pronto Soccorso e Medicina d'Urgenza del Policlinico, e da Giorgio Costantino, medico del Policlinico.

La sincope, definita come una perdita transitoria di coscienza e comunemente chiamata svenimento, è una condizione molto frequente. Si stima che una persona ogni tre ne sia affetta nel corso della propria vita. Tra le sue cause ve ne sono alcune benigne e altre molto gravi come l'embolia polmonare, cioè la presenza di trombi nei vasi polmonari. Questa, se non riconosciuta e trattata, può portare a insufficienza respiratoria e a morte improvvisa in un terzo dei pazienti.

Lo studio è frutto di un'ampia collaborazione internazionale, basato sull'analisi di diversi database amministrativi, che raccolgono sistematicamente una serie di informazioni cliniche e anagrafiche per tutti i pazienti che accedono al Pronto Soccorso o che sono ricoverati in una struttura ospedaliera.

Sono stati raccolti dati provenienti dall'Italia (ATS Città Metropolitana di Milano, popolazione di riferimento circa 3.2 milioni di residenti), dalla Danimarca (tutta la nazione, circa 5.5 milioni di individui), dal Canada (provincia dell'Alberta, popolazione di circa 4.2 milioni) e dagli Stati Uniti (due differenti fonti di dati: OptumInsight, circa 14 milioni di individui e HCUP, circa 80 milioni di individui).

Sulla base dei risultati ottenuti è stato osservato che l'embolia polmonare è una causa molto rara di sincope, essendo presente in una percentuale che va dallo 0.06% allo 0.55% dei pazienti a seconda dei contesti e dei sistemi sanitari considerati. Il suggerimento da parte del team di ricerca, quindi, è che l'embolia polmonare, pur dovendo essere come sempre presa in considerazione nei pazienti con sincope, non richieda l'esecuzione di costose e invasive indagini diagnostiche su tutti i pazienti giunti in Pronto Soccorso per sincope.

Questo studio fornisce un contributo alla pratica clinica andando nella direzione del Less is more, corrente di pensiero che si sta diffondendo sempre più a livello mondiale e che ha l'obiettivo di razionalizzare la pratica clinica evitando di sottoporre il paziente a procedure e trattamenti inutili e potenzialmente dannosi.