News dal Policlinico

notizia
21/10 2013
Salute e Ricerca

In Lombardia 8mila bambini e adolescenti con gravi disturbi di comunicazione

— di Lino Grossano


Tra 0 e 18 anni, 5 persone ogni 1.000 non parlano, fanno fatica a capire le parole degli altri o presentano gravi disturbi della comunicazione. Si tratta di circa 8mila ragazzi in Lombardia, in Italia quasi 50.000. Di questo si discuterà domani e dopo nel Convegno “Bisogni comunicativi complessi e partecipazione nei contesti di vita: verso una conoscenza diffusa?” che si terrà all’IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri in Via G. la Masa 19 Milano.
Alcuni hanno anche problemi motori – sostiene Antonella Costantino, Direttore Unità Operativa di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (UONPIA) della Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano – altri una sindrome genetica o un disturbo autistico. Per  tutti, crescere e apprendere senza la possibilità di comunicare è molto difficile, e sono necessarie modalità che permettano di comunicare lo stesso anche senza la voce, attraverso interventi di Comunicazione Aumentativa”.
Al riguardo – aggiunge Maurizio Bonati, Capo del Dipartimento Salute Pubblica del Mario Negri – possono essere utilizzati sistemi di simboli o di immagini, in cui tutte le figure usate hanno scritta sopra la parola o il verbo che rappresentano. Il bambino può così riconoscere le immagini e l’interlocutore leggere le parole. Possono essere usati strumenti digitali programmati per ‘prestare’ la voce quando necessario, o avanzate tecnologie informatiche. L’intero ambiente deve utilizzare un linguaggio scritto, parlato, visivo adeguato alle capacità del bambino e che deve essere implementato e garantito nel tempo, con il continuo coinvolgimento di genitori e insegnanti”.
Troppo spesso però gli utenti non riescono ad accedere agli interventi di supporto alla comunicazione indispensabili, o devono farlo in centri molto lontani da casa. E’ per questo motivo che, a partire dal gennaio 2010 e con il contributo della Regione Lombardia, ASL Milano ha attivato uno specifico progetto con la finalità di garantire a tutti i pazienti con bisogni comunicativi complessi e alle loro famiglie la possibilità di accedere precocemente e nel proprio territorio.  Il progetto ha visto la partecipazione di 22 Unità Operative di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza  (UONPIA) lombarde e dell’IRCCS Mario Negri ed è coordinato dal Centro Sovrazonale di Comunicazione Aumentativa della Fondazione Ca’ Granda.
I risultati ottenuti – conclude Antonella Costantinopossono essere così sintetizzati: formazione degli operatori sanitari, dei genitori e degli insegnanti; strutturazione di nuove modalità di supporto e consulenza a distanza; sensibilizzazione del territorio attraverso iniziative a cui hanno partecipato più di 4000 persone; creazione e diffusione di materiali informativi mirati; strutturazione di gruppi di operatori competenti in CAA in più dell’80% delle UONPIA lombarde”.

Il Convegno andrà a descrivere il percorso del progetto e i risultati ottenuti attraverso le parole dei protagonisti, genitori, insegnanti, operatori. Approfondirà inoltre come strumenti nati per bambini con grave disabilità siano  divenuti importanti supporti  alla crescita di tutti i bambini.
L’evento è aperto alla partecipazione di genitori, insegnanti e operatori del settore.


L’appuntamento:

22-23 Ottobre 2013
Aula A Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”
via G. LA Masa 19, 20156 Milano