Giovanna Lunghi

Giovanna Lunghi

Medico
Responsabile di Unità Operativa Semplice

Professore a contratto, Università degli Studi di Milano.      

Laboratorio Analisi >
Laboratorio di Virologia >

Prenota con Sistema Sanitario Nazionale

Prenota

  • epatiti virali (HCV; HBV; HAV) compresi virus meno diffusi quali HDV e HEV di cui oltre alla carica virale sono rilevati i principali genotipi;
  • virus coinvolti nel monitoraggio post-trapianto quali CMV, EBV, HSV, HHV&, HHV8, BKV, JCV, AdV, compreso il profilo di resistenza e la valutazione della risposta T linfocitaria tramite Elispot e Quantiferon nei contronti di CMV;
  • malattie sessualmente trasmesse (rilevazione, tipizzazione molecolare di alcuni genotipi responsabili di patologie più rare, ma clinicamente più impegnative, come il Linfogranuloma Venereo).
  • Metodiche molecolari per la quantizzazione e la genotipizzazione di HCV
  • Tecniche sierologiche e molecolari all'avanguardia per la diagnosi clinica dei principali virus responsabili di epatiti, infezioni post-trapianto e malattie sessualmente trasmesse

Laureata in Medicina e Chirurgia all'Università degli Studi di Milano nel 1984, dove ha conseguito con la specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva nel 1988 e in Microbiologia e Virologia nel 1994. Inoltre, nel 1990 ha ottenuto il Diplome in Virologie Medicale all'Institut Pasteur di Parigi) e nel 2006 il Diploma del Corso Manageriale per Dirigenti di struttura complessa I.RE.F.

Da oltre 30 anni ha svolto la sua attività da Medico Virologo al Policlinico e dal 2006 è Responsabile del Laboratorio di Virologia.
 

Collabora con il team di laboratorio dell'Istituto Oncologico di Milano e di Virologia dell'Università degli Studi di Milano e Pavia.
E' membro del Gruppo di lavoro Glait (Infezioni nel paziente trapiantato) dell'AMCLI (Asociazione Microbiologi clinici Italiani).

Infezioni del trapiantato, delle vie respiratorio e delle epatiti virali. Si è dedicata allo studio della risposta immunitaria T specifica versus Citomegalovirus, utile per stratificare il rischio di riattivazione nel trapiantato.

Aggiornato alle 13:36 del 28/09/2017